Notizie di Interesse

News di interesse notarile

  • La trascrizione di conversazioni, effettuate via Wathsapp e registrate da uno degli interlocutori, pur concretandosi nella memorizzazione di un fatto storico, costituente prova documentata ex art. 234 c.p.p., può essere utilizzata in giudizio soltanto a condizione che venga acquisito il supporto telematico o figurativo contenente la relativa registrazione, al fine di verificare l'affidabilità, la provenienza e l'attendibilità del […]
  • La Corte Suprema di Cassazione con la sentenza n. 10440 del 21 aprile 2021 ha ribadito che costituiscono spese di rappresentanza quelle affrontate per iniziative volte ad accrescere l'immagine dell'impresa ed a potenziarne le possibilità di sviluppo, mentre vanno qualificate come spese pubblicitarie o di propaganda quelle erogate per la realizzazione di iniziative tendenti, prevalentemente anche se non […]
  • In tema di rimborso di tributi, spettano al giudice tributario i procedimenti nei quali il diritto del contribuente sia contestato dall'erario, mentre sono devoluti al giudice ordinario soltanto quelli in cui non residuino questioni circa l'esistenza dell'obbligazione, il quantum della restituzione e le modalità della sua esecuzione, attesa la riserva alle commissioni tributarie, disposta dall'art. 2 del d.lgs. […]
  • L’imprenditore fallito – e così il legale rappresentante della società fallita – non è legittimato a impugnare l’avviso di accertamento al posto del curatore che decide di non promuovere l’azione giudiziaria di fronte al giudice tributario. Questo è quanto stabilito dalla Commissione Tributaria Regionale di Bologna con la sentenza del 21 aprile 2021.
  • Il condono non influisce di per sé sull'ammontare delle somme chieste a rimborso, non impone al contribuente la rinuncia al credito e non impedisce all'erario di accogliere tali richieste, allorché la pretesa di rimborso sia riscontrata fondata. La conferma arriva dalla Cassazione con sentenza 4 maggio 2021, n. 11589.
  • Le Sezioni Unite dovranno stabilire se l’apertura di una borsa durante l’accesso per un controllo fiscale possa avvenire senza autorizzazione della Procura ma con il consenso dell’interessato e se, infine, l’eventuale vizio del consenso comporti l’inutilizzabilità della documentazione acquisita. A rimettere la questione al Primo Presidente è la Sezioni tributaria con l’ordinanza interlocutoria n. 10664/2021.
  • Il D.P.R. n. 131 del 1986, art. 22, comma 1, stabilisce che se in un atto sono enunciate disposizioni contenute in atti scritti o contratti verbali non registrati e posti in essere fra le stesse parti intervenute nell'atto che contiene l'enunciazione, l'imposta si applica anche alle disposizioni enunciate; ne consegue che va assoggettato ad imposta di registro il […]
  • Secondo la sentenza n. 10439/2021 della Cassazione civile, il sistema di neutralità dell'Iva non consente al soggetto passivo – quand’anche in buona fede – di portare in detrazione un’imposta in tutto o in parte non dovuta, e ciò in base al principio, ripetutamente affermato dalla Corte di giustizia, secondo cui la neutralità dell’imposta opera sul piano effettivo e […]